Moreno Maggi, uno dei fotografi di Architettura e Fine Arts più conosciuti in Italia, comincia la sua carriera nel 1980 a New York dove vive per dieci anni lavorando con famosi fotografi di Architettura (Paul Warchol, James D’Addio, Elliot Fine), di Fine Arts (Jim Kiernan) e relazioni annuali (William Rivelli) e frequentando nel contempo corsi di fotografia Fashion e Still Life presso il Fashion Istitute of NY. Dopo dieci anni trascorsi negli USA ritorna in Italia dove avvia collaborazioni continuative con alcuni dei più importanti studi di architettura come Studio Fuksas, Renzo Piano Building Workshop, Studio Portoghesi, Studio ABDR etc.

I suoi lavori compaiono sulle più autorevoli riviste italiane di architettura quali Casabella, Domus, Area, D’Architettura, A.D., Abitare, The Plan, ma anche su testate internazionali come Detail and Tasche in Germania. Partecipa regolarmente ai maggiori progetti di documentazione architettonica - moderna e storica - insieme a docenti universitari delle maggiori Università italiane e viene spesso invitato a discutere di temi di fotografia di Architettura (Etica ed Estetica etc.).

Come membro di AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica), tiene corsi di fotografia di Architettura agli studenti universitari. Sin dall'inizio conduce ricerche visive personali di foto d'arte in bianco e nero autonomamente e come parte di progetti di architettura. Tra gli altri i portfolio della serie "Marble sculptures of the Stadio dei Marmi in Rome", "Rome Baroque" e "Unespected views of Rome".

Le sue fotografie sono state esposte a New York, Washington, Peking, Paris, Rome, Milan, Ancona sia a colori che in bianco e nero. Quando non è in viaggio per il mondo a documentare progetti di architettura e di interni vive a Roma e New York.